ROBERTO BENIGNI

ROBERTO BENIGNIAttore e regista italiano è sposato con l'attrice Nicoletta Braschi.
Della sua infanzia si sa poco o nulla. L'attore stesso non ne parla e ironizza definendosi magro, piuttosto bruttino e senza denti, e anche un po' peloso.
La sua carriera artistica sembra l'inizio di un film. Lascia Vergaio, il paesino dalle parti di Prato dove vive, nel 1973. E con una chitarra e tre amici si avvia verso Roma: il quartetto debutta di lì a poco al Teatro de' Satiri.

Benigni, con il suo modo divertito e divertente e l'inconfondibile accento toscano, coinvolge lo spettatore. Godendo di un consenso praticamente incondizionato da parte del pubblico. Ma dietro l'ilarità che i suoi film e gli spettacoli producono, non c'è solo mestiere e improvvisazione, ma cultura: a cominciare dai saggi sul riso di Henri Bergson. E affermazioni, dette dall'attore quasi per caso, come l'umorismo è la contraddizione della comicità: lo dice Schopenhauer. Ma Benigni se la ride: non vuole teorizzare i propri lavori, ma viverne la vivacità. E ribadisce che il divertimento, la comicità, sono cose che l'hanno sempre attratto, fin da bambino.

Esordisce sul grande schermo nel film Berlinguer ti voglio bene, 1977, nella parte di Mario Cioni e al cinema alterna da sempre spettacoli teatrali e sortite televisive. Dagli inizi di Televacca a L'altra domenica, dal Festival di Sanremo ai suoi celebri duetti con Pippo Baudo e Raffaella Carrà.
Dal 1988 il suo successo diventa internazionale con Il Piccolo Diavolo, dove recita accanto ad un grande attore come Walter Matthau.

Dopo la buona prova di Johnny Stecchino, 1991, Blake Edwards lo chiama per interpretare Il Figlio della Pantera Rosa, maldestro erede dell'indimenticabile Ispettore Clouseau. Dopo Il Mostro, nel 1994, Benigni cambia registro. E nel 1998 con un'ilarità amara, diversa dl solito, diventa il protagonista di La vita è bella: vincendo il Gran Premio della Giuria a Cannes. Come rendere sopportabile ad un bambino innocente la tragedia dell'olocausto, vissuta all'interno di un campo di prigionia. Il film non può concorrere all' assegnazione dei Golden Globe, poiché uscito nel 1997 e, per una questione di regolamento, non può partecipare all'assegnazione dei prestigiosi riconoscimenti cinematografici attribuiti dall'Associazione stampa estera. Roberto Benigni, il 24 gennaio, si accontenta di presentare la serata dei Golde Globes a Los Angeles, a fianco di Jamie Lee Curtis, Anthony Edwards e Peter Fonda.
Ma l'attore toscano, nel tripudio generale, viene candidato a sette premi Oscar: Miglior Attore Protagonista, Migliore Regia, Miglior Film, Miglior Film Straniero, Migliore Sceneggiatura Originale, Migliore Colonna Sonora e Miglior Montaggio. Nella grande notte delle stelle del 21 marzo '99, conquista tre prestigiose statuette, vincendo l'Oscar come Miglior Film Straniero, Miglior Attore Protagonista e Miglior Colonna Sonora a Nicola Piovani.

 

Sito ufficiale di Roberto Benigni : NON TROVATO

Gli altri comici